Tesseramento 2021

Cari soci, care socie, amici e amiche,
ci auguriamo di trovarvi in buona salute.
Stiamo vivendo la situazione dell’anno scorso, non ci siamo incontrati, non abbiamo potuto organizzare nulla per stare insieme e raccontarvi di Yanapanakusun e dei progetti che finanziamo grazie al vostro sostegno. Durante l’anno vi abbiamo spedito ciò che ci perveniva, ciò che sapevamo da tutti i contatti che abbiamo con gli amici di Cusco.
Ci siete stati comunque vicini e di questo vi siamo grati perché proprio in un anno così difficile siamo riusciti comunque a supportare il Centro, a far sentire la nostra vicinanza e il nostro sostegno ai bambini e alle bambine delle comunità. Le famiglie hanno avvertito in modo concreto che non li abbiamo dimenticati. Gli operatori del Centro Yanapanakusun hanno lavorato in continuità, nonostante le limitazioni di mezzi e di spostamenti. Questo ci ha rassicurati e ci spinge a non demordere.
Anche quest’anno siamo costretti a chiedervi di associarvi tramite bonifico bancario versando 10 euro:
IBAN IT 98 Y 08637 64301 000023045223.
La promozione del libro “Incontrarsi….” è andata bene, continueremo appena possibile, ad oggi abbiamo distribuito quasi 800 copie (all’approvazione del bilancio saremo più precisi).
Vi esponiamo inoltre un problema che stiamo affrontando. Le nostre visite al Centro e alla Comunità di Perccaccata hanno messo in luce la necessità di provvedere a risanare il tetto della scuola dell’infanzia a causa di serie infiltrazioni che stanno pregiudicando l’edificio.
Abbiamo una bozza di preventivo, ma sicuramente non è completo. Da soli non ce la potremo fare; non appena avremo maggiori certezze vi comunicheremo l’esatto importo del preventivo e vi chiederemo di aiutarci.
Trovate qui in allegato le relazioni dell’anno 2020 relative al sostegno alle comunità andine anche grazie all’aiuto dell’associazione “Le Sorelle Masolini” e alla situazione delle bambine e delle ragazze del Hogar Caith.

Rimaniamo a vostra disposizione per qualsiasi chiarimento.
Un abbraccio da tutti noi del direttivo.
La presidente Beatrice Savà

Un parco per i bambini di Huancarani

Quando hai l’opportunità di recarti presso l’organizzazione che sostieni, ti fermi per qualche tempo, ti rendi conto dei bisogni veri e del modo più efficace e coerente per intervenire.

La nostra associazione, per statuto, ha lo sguardo rivolto verso i bambini, nel contesto sociale delle comunità andine, in quel isolamento e in quella povertà estrema che li penalizza nel loro sviluppo armonico. Interveniamo per migliorare l’alimentazione, per curarli nel fisico e per migliorare la loro istruzione, ma non basta, è da prendere in considerazione anche il fatto che stiano bene, che siano quanto più possibile sereni nella loro infanzia e che abbiano anche momenti di divertimento.

A Huancarani abbiamo visto con i nostri occhi uno spazio, lo abbiamo visto sguarnito ma lo abbiamo sognato come un bel parco con giochi e impianti sportivi dove i bambini giocano sereni e si divertirono con la guida di persone attente.

Il nostro sogno …

I sogni si possono fare, ma per realizzarli è necessario che si mettano insieme persone, idee e risorse.

E allora ci siamo rimboccati le maniche e abbiamo scritto un progetto, lo abbiamo presentato ad un’associazione di Udine, “Sorelle Masolini”, che ha come finalità il sostegno di bambini in stato di necessità. Non sembra vero…… il progetto è stato finanziato per il 60% ed allora il sogno diventa realtà!

Il giardino di Huancarani prima di diventare parco

Il progetto Huancarani è stato avviato non appena ci è pervenuta l’attesissima comunicazione di accoglimento da parte dell’Associazione “Sorelle Masolini” di Udine.

Si è cominciato a sviluppare il progetto fin da subito, data di avvio: 1 giugno 2019! Momento in cui abbiamo dato l’incarico al personale che lo sta attuando. Il responsabile del progetto è Germán Grueso Castillo, un giovane spagnolo di Alicante, con esperienze pregresse in cooperazione internazionale, già incaricato dal Centro Yanapanakusun di svolgere un’indagine conoscitiva sulla comunità di Huancarani.

Gli unici giochi a disposizione prima del parco

Quindi abbiamo incaricato un artigiano di Huancarani di iniziare la realizzazione del parco giochi esterno, con un’istallazione di ferro che comprende la porta di calcio, una scala per salire sulla passerella ed accedere a due scivoli, una scala orizzontale sotto la passerella e due altalene.

La struttura è stata installata il 4 luglio 2019 e inaugurata lo stesso giorno alla presenza di tanti bambini, di genitori, insegnanti della Casa di cultura e dei responsabili del Centro Yanapanakusun di Cusco. Era presente il sacerdote della Comunità per la benedizione di rito.

Ho avuto la fortuna di esserci, un’emozione non da poco dopo tanta fatica a progettare e trovare qualcuno che contribuisse alla realizzazione di questo prezioso progetto. Come previsto dal progetto inoltre abbiamo acquistato dei libri di racconti, favole, letteratura infantile e avventure, per arricchire la biblioteca e dare impulso alla lettura.

La biblioteca a disposizione dei bambini

Dal mio rientro in Italia, ho avuto contatti settimanali con Germán, che fino alla data del 20 agosto è stato aiutato da Giada Coceani, una volontaria della provincia di Gorizia che ha collaborato attivamente alla realizzazione del progetto per quasi 2 mesi.

Germán ci invia periodicamente foto e messaggi, oltre all’intercorrere di telefonate e mail.

Il parco giochi di Huacarani

Cosa abbiamo avviato ad oggi:

  • è stata realizzata la struttura in ferro, posta sul lato corto del cortile, vicino alla cucina;
  • abbiamo acquistato libri per la biblioteca;
  • abbiamo avviato le attività ludiche e sportive che si svolgono tutti i giorni, nell’ora che precede l’inizio delle attività previste dalla casa di cultura. Sono previste anche attività manuali (disegnare, dipingere, impastare, preparare una merenda, lavorare nell’orto della Casa);
  • durante la sospensione delle lezioni (vacanze scolastiche), dal 5 al 9 agosto 26 bambini hanno frequentato la casa di cultura. Sono stare realizzate attività motorie con lo scopo di “allenare” la coordinazione. Alla fine dell’attività i bambini hanno affrontato delle prove che sono state valutate e documentate;
  • nella seconda settimana di vacanza. Germán e Giada hanno tenuto un corso di rinforzo in comunicazione, in sostanza quella che noi chiamiamo lettere, mentre i professori della casa di cultura hanno curato la matematica.

Del buon esito degli interventi ho avuto riscontro da Ronald Zarate, direttore esecutivo del Centro Yanapanakusun, che si ritiene soddisfatto del procedere del progetto.

German, io (Beatrice, per chi non mi conosce) e Ronald

Scarica il progetto se lo vuoi leggere e non dimenticare di sostenerci.